Il primo quotidiano sulla tecnologia nel retail
Aggiornato al

Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

In Italia esiste ancora un sentimento di diffidenza nell’utilizzo di strumenti di pagamento digitali. È quanto emerge dai dati raccolti da KRUK Italia nell’ultimo triennio sugli utilizzatori della propria piattaforma e-KRUK.


Infatti, ad eccezione dei più giovani dove il trend è in rapida ascesa negli ultimi tre anni non in tutte le fasce di età si è registrato un aumento nei pagamenti digitali: tra i 33 e i 45 anni, ad esempio,la percentuale è rimasta stabile, mentre risulta in discesa per le altre fasce di età più avanzata, in particolare tra chi ha più di 66 anni nello stesso periodo di tempo.

Una crescita rallentata che può essere attribuibile a diversi fattori, come ad esempio quello relativo al sentimento di insicurezza sulla condivisione dei propri dati personali e alla paura di incappare in possibili frodi.

E proprio a questo proposito, Sababa illustra i benefici e la totale sicurezza dei pagamenti digitali, che può essere garantita con piccoli accorgimenti, come prediligere sempre canali sicuri di pagamenti, servizi garantiti dalle banche stesse in modo tale da avere alta credibilità, e abilitare sempre l’autenticazione a due fattori sia sui pagamenti che sulle carte di credito, in modo tale che, anche attraverso lo smartphone si possa controllare e negare eventuali richieste sospette di pagamento. È poi anche consigliabile disabilitare sempre l’NFC, che permette lo scambio di dati a distanza ravvicinata tra due dispositivi che abbiano questa funzione attivata, nel caso di pagamenti effettuati con applicazioni attraverso lo smartphone per evitare che ci sia esfiltrazione di dati o furto di denaro, oltre a prestare particolare attenzione ai siti web che destano qualche sospetto e poco attendibili.

Technoretail - Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

È sempre bene poi denunciare con celerità i pagamenti o i movimenti sospetti. Questo è un fattore importante per avere copertura della banca ed evitare che siano addebitate cifre derivanti da frodi e abilitare la notifica dei pagamenti e in caso di movimenti non leciti, avvisare immediatamente la banca.

Seguendo questi semplici consigli, vi è ad esempio la possibilità di automatizzare, attraverso una modalità sicura come l’SDD, una spesa assolutamente necessaria ai fini del benessere finanziario di una persona quale quella rappresentata dalla voce “piano di rientro”.

Una possibilità, quella di impostare l’SDD come metodo di pagamento del proprio debito, che rientra all’interno di una modalità di gestione responsabile delle finanze personali, permettendo di evitare situazioni di difficoltà come quella di dover ricorrere a un nuovo finanziamento per ripagare il proprio debito. Una situazione, quest’ultima, anche abbastanza comune in Italia. In questo senso, infatti, una survey condotta da KRUK sul mercato europeo nel periodo pre-pandemia, mostra come il 14% degli italiani che avevano sottoscritto un finanziamento, lo avevano fatto per ripagare un precedente debito.

“L’SDD - afferma Alicia Olmedilla Munoz, Marketing & PR Manager di KRUK Italia – è ormai un pagamento molto sicuro perché regolamentato dalle banche con la sottoscrizione di documenti specifici attraverso i quali l’utente accetta e pre-autorizza l’addebito direttamente sul proprio conto corrente”. Una forma di pagamento, dunque, in linea con il primo dei consigli forniti da Sababa: affidarsi a canali sicuri e garantiti dalle banche.

ALTRI ARTICOLI

Technoretail - Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

Continua anche nel primo semestre 2022 la crescita di Mapp

Mapp continua a registrare ottimi risultati anche nel primo semestre del 2022, aumentando le vendite nel settore new business del 23% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Allo stesso tempo, i ricavi da cross-selling sono più che raddoppiati rispetto allo stesso semestre del 2021.
Technoretail - Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

I consumatori desiderano che gli esseri umani siano al centro

I dati e il modo in cui vengono utilizzati sono l'unica chiave di lettura per misurare la sopravvivenza a lungo termine dei retailer. La loro influenza, infatti, si esercita in ogni interazione, dalle vendite al servizio, dagli sconti alle consegne fino ai resi e i rimborsi: i brand che saranno in grado di gestirli, analizzarli, comprenderli e…
Technoretail - Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

Nutanix rinnova l'infrastruttura IT di Pittarello

Pittarello ha rinnovato l’infrastruttura, scegliendo il software Nutanix per la sicurezza intrinseca della tecnologia e per la scalabilità. Aiutata da Axera, ha costruito un’architettura semplice ma efficace, gestibile da un’unica piattaforma centralizzata.
Technoretail - Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

3A amplia il management

3A rafforza il management, con l’entrata di Barbara Bitetti nel ruolo di Head Of Marketing, Michele Manfrin nel ruolo di Chief Information Officer e Daniel Markovic nel ruolo di Head of Digital Business Unit.
Technoretail - Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

Le principali tecnologie per migliorare l'esperienza cliente

La user experience è la nuova parola d’ordine e, in un’era in cui l’esperienza del cliente è un importante differenziatore competitivo. Per questo motivo Juniper Networks ha individuato le principali soluzioni di networking su cui i rivenditori dovrebbero concentrarsi per mettere i propri clienti nelle condizioni di raggiungere l’obiettivo. Oggi…
       
    Il sito Technoretail - Italiani ancora diffidenti sui pagamenti digitali

Copyright © 2022 - Edizioni DM Srl - Via Andrea Costa, 2 - 20131 Milano - P. IVA 08954140961 - Tutti i diritti riservati | Credits