Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge
Il primo quotidiano sulla tecnologia nel retail
Aggiornato al
Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge
Information
News

7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

36 aziende e-commerce non rispettano le normative italiane ed europee per la vendita online. È quanto emerge da una ricerca svolta dallo studio Legal for Digital, che ha analizzato 50 e-commerce appartenenti a società italiane.


Durante l’analisi gli esperti di Legal for Digital hanno verificato infatti se le diverse piattaforme di e-commerce rispettavano: il trattamento dati personali, il Codice del Commercio Elettronico, il Codice del Consumo.

Sulla base di queste analisi solo 3 siti di aziende italiane su 10 rispettano tutte le normative legali in vigore per gli e-commerce, con termini e condizioni di vendita completi che tengano conto di tutti i diritti del consumatore, un flusso di trattamento dati personali in linea con quanto richiesto dal GDPR.

Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Prendendo ad esempio un e-shop di elettronica di un’azienda italiana è possibile vedere come: dopo aver inserito il prodotto nel carrello, ad esempio un’aspirapolvere, provando e acquistando lo stesso prodotto senza registrarsi alla piattaforma vengono chiesti in modo corretto i dati personali per accedere alla spedizione. Al momento dell’inserimento dati: nome, cognome, indirizzo di spedizione, e-mail, numero di telefono, sono tutti raccolti senza che venga richiesto il consenso al trattamento dati, ne venga segnalato in che modo saranno trattati, entrambe azioni necessarie a livello di rispetto della privacy.

Il GDPR richiede alle aziende una corretta gestione delle informazioni e prevede che l’utente sia informato sull’uso e anche sul modo in cui saranno conservati i propri dati personali. Per assolvere a questo obbligo in genere ci sono delle check box da spuntare con frasi del tipo “acconsento al trattamento dei miei dati personali come indicato della privacy policy”, ma in questo sito; invece,era presente solo il pulsante “continua”.

Nella schermata successiva emerge il fatto che i dati personali sono stati effettivamente salvati dalla piattaforma che infatti li ripropone all’utente per la verifica, prima di condurlo sulla pagina del pagamento.

La normativa privacy europea prevede che già la raccolta di un dato personale senza l’eventuale successivo utilizzo sia comunque un trattamento legalmente rilevante che necessita di un consenso dell’utente.

La volontà sul conferimento di questi dati da parte dell’utente deve essere un’azione affermativa, come con la spunta sulla check box di cui si parlava prima, e il consenso deve essere preventivo e informato; quindi, l’utente deve sapere in anticipo come verranno utilizzati i suoi dati e per quali finalità.

Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Questo è solo un esempio di e-commerce da rivedere a livello legale ma tra i 50 siti italiani sono stati trovati siti errori per non dire “orrori legali” quali: Termini e Condizioni di Vendita senza diritto di reso che invece è obbligatorio per i consumatori, oppure, trattamenti dati personali fermi ancora all’ex Decreto Legislativo 196/2003, peccato che dal 25 maggio 2018 ci sia il GDPR!

Inoltre, non bisogna dimenticare che pochi giorni fa è diventata legge anche in Italia, dopo l’approvazione del Consiglio dei ministri, la Direttiva Omnibus europea su sconti e recensioni che rivoluzionerà la vendita online. Quando si adegueranno le aziende italiane a questa novità legislativa se ancora oggi ci sono ancora tanti problemi?

Va detto che al contrario ci sono invece e-commerce che garantiscono un alto grado di rispetto delle normative, da andare oltre le stesse, con azioni pensate per riuscire a tutelare al meglio l’utente durante il processo di acquisto.

Ad esempio, un’azienda che vende abbigliamento di lusso, presenta un e-commerce in regola e con accorgimenti anche al di sopra delle leggi imposte dall’Europa e dall’Italia. Su questo e-commerce nella prima fase del check-out dell’e-commerce l’utente viene informato non solo del trattamento dati, ma anche delle azioni di marketing che vengono attivate. Ad esempio, informa l’utente che nel caso in cui non si completi l’ordine si riceverà un’e-mail per recuperare il carrello abbandonato.

Dare informazioni chiare e precise in questo modo, fin da subito, è sinonimo di trasparenza e invoglia l’utente più informato sui suoi diritti ad affidare senza preoccupazioni i suoi dati personali allo shop online.

ALTRI ARTICOLI

Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Pinalli elimina completamente la plastica dal packaging per e-commerce

Pinalli, la principale piattaforma italiana di distribuzione di prodotti per la bellezza e la cura del corpo, in collaborazione con Raja Italia – specializzata nel mercato dell’imballaggio – rafforza in maniera significativa l’impegno verso la sostenibilità scegliendo di eliminare completamente la plastica dal packaging delle spedizioni e-commerce.
Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Esw: il retail tra tecnologia omnichannel e commercio integrato

Oggi il consumatore nel suo customer journey non solo si aspetta di poter sfruttare tutti i touchpoint messi a disposizione dai retailer, ma è alla ricerca di un’esperienza d’acquisto sempre più fluida e personalizzata. Con l’obiettivo di venire incontro a queste esigenze i merchant si affidano a tecnologie e a soluzioni digitali innovative in…
Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Still ottimizza lo stoccaggio dell’azienda vitivinicola Medici Ermete

Still, azienda specializzata nella fornitura di sistemi e attrezzature per l’intralogistica, ha studiato una soluzione per ottimizzare l’attività di stoccaggio nel nuovo magazzino di Medici Ermete, una delle aziende vitivinicole più importanti in Emilia-Romagna con circa 10 milioni di bottiglie prodotte.
Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Dimar Sapore di Mare sceglie ShopFully per aumentare il drive-to-store

Dimar Sapore di Mare, principale retailer nazionale per la produzione di prodotti ittici surgelati, porta avanti la collaborazione con ShopFully, tech company italiana attiva nel drive-to-store, con l’obiettivo di aumentare gli ingressi negli oltre 90 punti vendita attraverso il digitale.
Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Rfid Global: nuovo pad reader per lo scambio dati contactless

Rfid Global, distributore a valore aggiunto di sistemi Rfid, Nfc e Bluetooth Low Energy, annuncia l’ingresso nel catalogo prodotti del nuovo pad reader Rfid 74 in banda HF, proposto in 3 versioni: reader con antenna integrata, antenna standard oppure antenna schermata.
Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Visa lancia nuove soluzioni antifrode basate sull’AI

Visa, tra le aziende leader nei digital payments, ha presentato nuove soluzioni di prevenzione del rischio e delle frodi nei pagamenti istantanei account-to-account e online basate sull’intelligenza artificiale.
Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Data analytics per il monitoraggio dei flussi di mobilità nei mall

Pta Group, azienda con esperienza trentennale nel mercato internazionale del retail, ha avviato insieme a WindTre Business un progetto di monitoraggio dei flussi di mobilità in oltre 65 centri commerciali sul territorio italiano, attraverso le tecnologie di data analytics.
       
    Il sito Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge

Technoretail - 7 e-commerce su 10 non rispettano la legge


Copyright © 2024 - Edizioni DM Srl - Via Andrea Costa, 2 - 20131 Milano - P. IVA 08954140961 - Tutti i diritti riservati | Credits