Il primo quotidiano sulla tecnologia nel retail
Aggiornato a
Technoretail - Crif: in Italia il Bnpl cresce più del credito al consumo tradizionale
I prodotti Bnpl erogati in Italia nel 2022 hanno fatto registrare un incremento del 47% rispetto al 2021
Information
News

Crif: in Italia il Bnpl cresce più del credito al consumo tradizionale

Information
- Crif Bnpl - Crif analisi buy now pay later - Crif comportamenti d'acquisto

Secondo un’analisi realizzata da Crif – azienda globale specializzata in sistemi di informazioni creditizie e di business information, analytics, servizi di outsourcing e processing – i prodotti buy now pay later (Bnpl) erogati in Italia hanno fatto registrare un incremento del 47% nel 2022, in ulteriore accelerazione rispetto al +35% del 2021, confermando ritmi molto superiori rispetto alla crescita del credito al consumo tradizionale, che si è attestato a +13% nel 2021 e +5% nel 2022.

Nel dettaglio, Crif ha messo a confronto un cluster di finanziamenti Bnpl con i più classici finanziamenti small ticket all’interno del proprio ecosistema di dati – che conta oltre 90 milioni di posizioni creditizie – analizzandone i trend e le caratteristiche nell’ultimo biennio. Dall’analisi si evince una stagionalità più marcata rispetto al credito al consumo tradizionale, con le erogazioni Bnpl del secondo semestre superiori in media del 41% (con picchi concentrati nell’ultimo trimestre dell’anno), a testimonianza del fatto che il Bnpl sia intimamente legato a comportamenti d’acquisto particolarmente concentrati nel periodo natalizio.

L’industria del Bnpl nel nostro Paese sta vivendo una crescita significativa – spiega Simone Capecchi, executive director di Crifcon sempre più aziende che offrono questo servizio ai clienti e con un incremento dei player specializzati nel proporre questo tipo di facilitazione. Le nuove abitudini di acquisto degli italiani, sempre più propensi a e-commerce, digitale e nuove tecnologie finanziarie, e la maggiore accettazione da parte dei commercianti hanno reso il Bnpl un’opzione di pagamento comune sui siti web e in numerosi negozi fisici, soprattutto per acquisti di importo contenuto e sotto i 500 euro”.

Analizzando il profilo d’età degli utenti Bnpl, i Millennials e la Generazione Z costituiscono il 71% del totale. Queste ultime generazioni sono cresciute con l’e-commerce e la digitalizzazione dei servizi finanziari; quindi, l’adozione di nuove forme di pagamento è stata naturale per loro. Anche sul fronte della rischiosità del credito emergono evidenze interessanti. Nel 2022 il Bnpl ha fatto registrare un tasso medio di insolvenza in calo del 30% nel 2022 rispetto al 2021, e in controtendenza rispetto alla crescita fatta segnare invece dal credito small ticket. A riprova di come il Bnpl si stia diffondendo principalmente in clientela a bassa rischiosità creditizia, che lo utilizza percependolo come esperienza di pagamento e non come forma di credito.

ALTRI ARTICOLI

Technoretail - Crif: in Italia il Bnpl cresce più del credito al consumo tradizionale

Despar Nord: avvisi pagoPA e bollo auto si pagano in cassa

Grazie alla collaborazione tra Despar Nord (Aspiag Service), la concessionaria dei marchi Despar, Eurospar e Interspar nelle cinque regioni del Nord Italia, e la paytech Nexi, i clienti degli oltre 250 punti vendita Despar Eurospar e Interspar di Triveneto, Emilia-Romagna e Lombardia possono pagare bollo auto e avvisi pagoPA direttamente alla…
Technoretail - Crif: in Italia il Bnpl cresce più del credito al consumo tradizionale

Harrys Zachariadis, nuovo supply chain director Coca-Cola Hbc Italia

Coca-Cola Hbc Italia, principale produttore e imbottigliatore delle bevande a marchio The Coca-Cola Company sul territorio nazionale, ha nominato Harrys Zachariadis nuovo supply chain director per l’Italia, dove già dal 2010 al 2013 ha ricoperto il ruolo di manufacturing director.
       
    Il sito Technoretail - Crif: in Italia il Bnpl cresce più del credito al consumo tradizionale

Technoretail - Crif: in Italia il Bnpl cresce più del credito al consumo tradizionale