Il primo quotidiano sulla tecnologia nel retail
Aggiornato al

Il futuro della supply chain alla prova del digitale

Negli ultimi anni, il settore della logistica ha attraversato dei cambiamenti significativi. La pandemia ha accelerato la necessità di aggiornare e potenziare le supply chain in un mondo sempre più digitale, ma impreparato a livello di infrastrutture, mentre il mutato panorama geopolitico e la crescente pressione inflazionistica hanno contribuito ad aggiungere incertezza nella gestione delle reti di distribuzione. È questo uno dei principali trend emersi dall’indagine “Digital Trends in Supply Chain Survey 2022” presentato da PwC Italia sul palco di Factory Voice.


Le supply chain di oggi presentano quindi una serie di fragilità che espongono le aziende ad un rischio importante in termini di business continuity. Tra le preoccupazioni maggiori, PwC Italia ha individuato il nodo dell’efficienza dei costi, la visibilità aziendale sulle operazioni interne, oltre che le sue capacità di risposta agli eventi disruptive e, infine, il ROI sulle tecnologie adottate.
 
Sebbene le aziende siano consapevoli del ruolo sempre più delicato della supply chain, le risposte emerse dal report dimostrano che i Supply Chain Leader continuano a fronteggiare questi rischi intraprendendo azioni di breve termine piuttosto che mettere in atto iniziative strutturali di trasformazione digitale, efficientamento e creazione di valore. I partecipanti della survey hanno infatti indicato tra le principali priorità per i prossimi 12-18 mesi l’aumento dell’efficienza e la gestione e la riduzione dei costi.

Di contro, solo il 4% delle risposte riguarda l’intenzione di voler trasformare in maniera più profonda e strutturale il modello operativo e degli acquisti, e una percentuale addirittura minore la revisione delle politiche interne di approvvigionamento e del bacino di fornitori.

In particolare, la gestione dei costi è stata scelta come priorità cinque volte più dell'aggiornamento digitale, sette volte più dell'aumento della sostenibilità e della responsabilità sociale d'impresa e nove volte più della digitalizzazione e dell'automazione della produzione. La risposta complessiva sui rischi è pertanto in netto contrasto con i problemi della supply chain rilevati, con le aziende che adottano una posizione difensiva piuttosto che proattiva e fanno resistenza al cambiamento.

La crisi globale ha stabilito poi una nuova priorità per i prossimi 12-18 mesi: lo sviluppo di una maggiore visibilità lungo la supply chain end-to-end, intesa come leva per migliorare la resilienza e supportare di conseguenza i processi decisionali. In altre parole, la strutturazione di piattaforme di condivisione dati e collaborazione tra diversi partner rappresentano degli asset strategici che permettono di prevedere e rispondere tempestivamente agli eventi disruptive. In quest’ottica, il 30% degli intervistati sta pianificando percorsi di evoluzione per assicurare una maggiore resilienza operativa, contro il 30% di chi afferma di averli già attivati.

La terza preoccupazione riguarda infine la centralità della digitalizzazione per il successo competitivo nella supply chain, con una forte polarizzazione degli investimenti in tecnologie cloud. Nell'80% dei casi, tuttavia, gli investimenti tecnologici non hanno prodotto i risultati attesi. Questo può essere attribuito a diversi fattori. Anzitutto, tali investimenti vengono implementati come soluzioni isolate e non come iniziative di trasformazione a tutto tondo, solide e durature nel tempo.

Le aziende più lungimiranti, di contro, stanno attivando percorsi integrati di Business & Digital transformation che ruotano attorno a quattro fulcri: Strategy & Network, per i processi di governance; Process & KPI, per la misurazione delle performance e i framework dei processi di business; Digital Technologies, relativamente all’architettura IT; e Organization & People per la definizione delle responsabilità e delle strutture organizzative.

Un percorso di maturazione digitale di questo genere implica la definizione di una strategia collaborativa per la supply chain tramite l’impiego di soluzioni IT ed e-Business, che sia in grado di allineare gli obiettivi aziendali con i processi relativi delle aziende partecipanti, fornire pianificazione real-time, agevolare i processi decisionali e l’esecuzione delle risposte in base ai bisogni dei clienti.

L’applicazione delle corrette pratiche di Business & Digital Transformation, come testimoniato dalla survey, apporta alle aziende numerosi benefici. Tra i vantaggi principali sono stati citati un aumento dell’inventory turnover dei Digital Champions rispetto alla competizione e un payback period per investimenti in progetti di Advanced Supply Chain stimato a 1.8 anni. È stato inoltre osservato che circa un decimo dei costi totali di Supply Chain è stato impiegato dai Champions in investimenti digitali.  

Technoretail - Il futuro della supply chain alla prova del digitale

Omar Rado, Director di PwC Italia ha commentato: «I riflessi della pandemia, la pressione inflazionistica e l’instabilità politica geopolitica stanno facendo vivere alle aziende un momento di forte discontinuità. Al fine di essere maggiormente competitivi sul mercato non è più sufficiente concentrare le azioni riguardanti la Supply Chain nel breve termine. Oggi più che mai è necessario intraprendere percorsi organici di trasformazione con un respiro di medio-lungo periodo.»

«Le supply chain sono sempre state fondamentali per il funzionamento del business: l’avvento della pandemia ha fatto sì che venissero sottoposte a un esame più attento, alla ricerca delle loro fragilità. Per continuare ad essere competitive sul mercato globale, le imprese italiane devono lavorare a una profonda ‘ristrutturazione digitale’ delle loro catene di fornitura, attraverso percorsi integrati di Business & Digital transformation. In questo contesto, Factory Voice vuole essere un collettore di idee e best practice, un megafono per esempi virtuosi capaci di tracciare la via per un intero settore», ha dichiarato Carlo Pasqualetto, CEO di Azzurro Digitale.

       
    Il sito Technoretail - Il futuro della supply chain alla prova del digitale

Copyright © 2022 - Edizioni DM Srl - Via Andrea Costa, 2 - 20131 Milano - P. IVA 08954140961 - Tutti i diritti riservati | Credits