Il primo quotidiano sulla tecnologia nel retail
Aggiornato al

Iungo rilancia il vecchio metodo giapponese Hoshin Kanri per la supply chain intelligente

Eccesso di task e di call di allineamento, poca prioritizzazione, scarsità di comunicazione, mancanza di obiettivi strategici e assenza di visione d'insieme sono tra i principali problemi che affollano la gestione del lavoro di oggi che, negli ultimi due anni, ha subìto un’evoluzione nella direzione di una progettualità ibrida amministrata da remoto che ha colto impreparate molte imprese.



Iungo già dal 2021 ha introdotto all’interno della propria cultura aziendale l’Hoshin Kanri, una tecnica di gestione del lavoro basata sul raggiungimento di obiettivi strategici volti al miglioramento continuo sviluppata per la prima volta negli anni 50 dal professor Yoji Akao in Giappone.

Alla base di questa antica tecnica nipponica di gestione del lavoro incentrata sul raggiungimento degli obiettivi aziendali strategici, c’è l’idea che la singola persona, in quanto esperta nel proprio esercizio, sia fondamentale nel rendere la propria organizzazione la migliore nel suo campo. In giapponese, infatti, Hoshin significa “ago della bussola”, Kanri, “controllo”. Questi concetti, insieme, riflettono la mission della metodologia: dal management al collaboratore esterno, tutti, allineati, lavorano al raggiungimento degli stessi obiettivi strategici, il “vero nord” secondo la filosofia.

Technoretail - Iungo rilancia il vecchio metodo giapponese Hoshin Kanri per la supply chain intelligente

La tecnica è applicabile da qualsiasi tipo di organizzazione che persegua degli obiettivi strategici senza il bisogno di ricorrere a tool specifici. L’unico obbligo è la condivisione dell’Hoshin Kanri con tutti i suoi membri in maniera tale che ognuno, soprattutto nei momenti di difficoltà, possa far riferimento allo schema e ottimizzare il lavoro con il rientro di eventuali situazioni di crisi.

La visione di un’organizzazione incarna i suoi ideali e rappresenta la sua guida per definire gli obiettivi a lungo termine. Per individuarla, le domande a cui un’impresa deve rispondere, sono: qual è il nostro scopo? Quale problema vogliamo risolvere? Qual è il nostro futuro?

L’Hoshin Kanri non definisce un obiettivo come strategico solo in funzione dei traguardi che l’organizzazione deve raggiungere. Non deve, dunque, solo essere misurabile, quantificabile e condiviso. Nella visione di Iungo deve perseguire sotto tutti gli aspetti il miglioramento continuo. Fondamentale, in questo, è la sinteticità: a monte, i vertici devono fare una scrematura degli obiettivi strategici selezionando i più concreti.

Il miglioramento continuo, o kaizen, è il fine ultimo a cui deve tendere ogni dipendente in riferimento a se stesso e ogni azienda in riferimento ai propri obiettivi. Iungo suggerisce che il miglioramento continuo è fatto di piccoli cambiamenti organizzativi e di processo: è lento ma costante.


Ogni reparto aziendale possiede delle specificità che possono contribuire al miglioramento continuo della propria organizzazione. La chiave di volta, nell’opinione di Iungo, è l'individuazione degli strumenti propri di ciascun gruppo e l’allineamento di questi in nome del raggiungimento degli stessi obiettivi.

Per far sì che un obiettivo diventi risultato, Iungo riflette sulla necessità di creare un piano di lavoro, una road map, che guidi tutti al raggiungimento dello stesso traguardo nel minor tempo possibile per evitare la dispersione di energie e risorse.

L’organizzazione deve verificare periodicamente lo stato di salute del proprio Hoshin Kanri. Per farlo, Iungo consiglia di realizzare un’analisi che tenga conto di successi ed errori in grado di far rientrare emergenze e crisi ma anche di creare un precedente positivo per gli anni a venire.

Secondo l’esperienza di Iungo, con la verifica finale l’organizzazione si accerta di aver raggiunto tutti gli obiettivi strategici prefissati all’inizio dell’anno e compila un report interno condiviso che tenga traccia di tutti gli eventi dell’anno.

Technoretail - Iungo rilancia il vecchio metodo giapponese Hoshin Kanri per la supply chain intelligente

“L'adozione dell'Hoshin Kanri ha consentito a Iungo di crescere del 30% nell’ultimo anno, segnando un fatturato di 5 milioni di euro. La crescita è avvenuta in maniera strutturata, tanto che l’azienda ha ampliato del 20% il proprio organico, attualmente composto da 64 unità. La metodologia in questione ci ha permesso di declinare la strategia aziendale in ogni area in modo coerente, efficace e focalizzato. IUNGO aiuta le aziende a strutturare i loro processi con la propria tecnologia senza dimenticare di migliorare costantemente se stessa.” - dichiara Andrea Tinti, Founder e CEO di Iungo

       
    Il sito Technoretail - Iungo rilancia il vecchio metodo giapponese Hoshin Kanri per la supply chain intelligente

Copyright © 2022 - Edizioni DM Srl - Via Andrea Costa, 2 - 20131 Milano - P. IVA 08954140961 - Tutti i diritti riservati | Credits