Il primo quotidiano sulla tecnologia nel retail
Aggiornato al
Technoretail - Digital payments: i retailer cercano soluzioni sempre più integrate
Lo smartPos A920Pro di Pax Italia
Information
Imprese

Digital payments: i retailer cercano soluzioni sempre più integrate

Information
- Pax Italia digital payments - Pax Italia retail - Pax Italia smartPos

Il mondo dei pagamenti digitali, con le sue continue innovazioni tecnologiche, sta avendo un ruolo decisivo nella trasformazione del retail in un settore caratterizzato da una sempre più diffusa omnicanalità: casse automatiche, self-ceckout, self-scanning, modalità contactless con smartphone o wearable, smartPos, sono soltanto alcuni degli strumenti che ormai sono diventati familiari nell’esperienza d’acquisto del consumatore di oggi. Diego Lucon, chief innovation officer di Pax Italia, ci aiuta a capire meglio lo stato attuale del comparto dei digital payments.

 

Esaurita la spinta della pandemia, i consumatori italiani hanno continuato a utilizzare i pagamenti digitali, anche se la crescita del settore ha fatto registrare un prevedibile rallentamento. Com'è andato il 2023 per il vostro comparto e quali sono state le tendenze più interessanti che avete rilevato?

“Il 2023 ha confermato i trend di crescita sulla vendita dei terminali: sono cresciuti sia quelli Android sia i Legacy. Di sicuro interesse è lo sviluppo del mondo EV charge e delle colonnine che devono essere dotate di dispositivi per l’accettazione del pagamento. Per quanto riguarda gli smartPos è da evidenziare come, nonostante i Pos Legacy la facciano ancora da padrone, i numeri dei terminali Android fanno registrare crescite veloci, segno che ci sia da parte dei player la volontà di utilizzare questo tipo di soluzioni per ampliare la gamma di servizi offerti”.


Technoretail - Digital payments: i retailer cercano soluzioni sempre più integrate

 

Grazie al processo di digitalizzazione, i retailer stanno sempre più adeguando i punti vendita alle nuove abitudini dei consumatori. Quali sono, nella vostra esperienza, le esigenze più importanti dei retailer in termini di adozione di soluzioni di digital payments?

“Quello che osserviamo è che i retailer cercano sempre più soluzioni integrate e dinamiche. Il concetto di punto cassa sta pian piano scomparendo e si cerca maggiormente di offrire ai propri clienti un’esperienza che si completi in maniera fluida con il pagamento. Per cui, ai classici terminali di pagamento si affiancano quelli più evoluti su cui è possibile utilizzare applicazioni per assistere il cliente nella vendita all’interno del negozio, creando esperienze ibride di online e offline, per poi completare il pagamento sullo stesso dispositivo. Anche i modelli di vendita stanno cambiando e spesso le vendite non si concludono più in negozio, per cui la necessità di poter operare in mobilità diventa fondamentale. Un’altra esigenza importante, anche per gli esercenti più piccoli, è quella di avere a disposizione un unico dispositivo che comprenda la cassa e il terminale di pagamento. Oltre a ottimizzare i costi e gli spazi, questi strumenti permettono di avere soluzioni integrate che semplificano i processi come quello di riconciliazione”.


Technoretail - Digital payments: i retailer cercano soluzioni sempre più integrate

 

Quali sono le ultime innovazioni legate allo sviluppo di soluzioni e device per pagamenti elettronici per il retail e su quali tecnologie si basano?

“Possiamo individuare 4 gruppi. I terminali Android che permettono non solo di accettare pagamenti con carte, ma anche quelli con altri strumenti digitali, offrendo servizi a valore aggiunto come la chiamata del taxi, i pagamenti pagoPA ecc. I terminali unattended Android: in questo caso più che di innovazione parliamo proprio di rivoluzione, perché si tratta di dispositivi che non sono più soltanto dei terminali di pagamento, ma possono essere utilizzati per governare l’intera macchina permettendo di ridurre i costi di installazione. Attraverso questi dispositivi è possibile erogare servizi complementari grazie alla possibilità di installare facilmente app e possono essere una piattaforma marketing per la distribuzione di contenuti. I terminali per softPos: ideati per supportare le nuove soluzioni softPos – che trasformano un qualsiasi smartphone in Pos – questi dispositivi nascono per garantire gli stessi livelli di affidabilità di un terminale Pos e le stesse garanzie di assistenza per gli esercenti. I terminali cassa+Pos, anch’essi basati su tecnologia Android, che nascono per poter offrire soluzioni integrate fra il gestionale, il pagamento e la parte fiscale”.

 

Technoretail - Digital payments: i retailer cercano soluzioni sempre più integrate

 

Su quali prodotti/servizi avete puntato in particolare negli scorsi mesi e quali sono le loro principali caratteristiche? Avete novità?

“Per quanto riguarda i nostri prodotti, oltre allo smartPos A920Pro che rimane il nostro prodotto di punta, vanno sicuramente citati il terminale unattended Android IM30 e i prodotti della linea Elys (cassa+Pos), in particolare M8 e M9200. Pax IM30, la più sofisticata soluzione unattended basata su Android, sta riscuotendo un enorme successo in particolare nel mondo dell’EV charge: ha la caratteristica unica di poter gestire un monitor touch collegato alla sua porta Hdmi, dispone di connettività 4G e un sensore di prossimità. Pax M8 è invece il primo tablet Android con modulo di pagamento integrato che permette di ricevere pagamenti, telefonare, scattare foto dei prodotti e molto altro. Pax M9200, infine, è il terminale per softPos che lanceremo nei prossimi mesi: include uno scanner di codici a barre e una batteria potente che lo rende un’ottima alternativa per i commercianti che hanno esigenze più avanzate oltre all’accettazione dei pagamenti digitali”.

       
    Il sito Technoretail - Digital payments: i retailer cercano soluzioni sempre più integrate

Technoretail - Digital payments: i retailer cercano soluzioni sempre più integrate


Copyright © 2024 - Edizioni DM Srl - Via Andrea Costa, 2 - 20131 Milano - P. IVA 08954140961 - Tutti i diritti riservati | Credits